Pagine

martedì 30 aprile 2013

Impacchettando..

Ho sempre pensato che l’operazione valigia (o meglio valigie) sarebbe stata un’impresa impossibile. Un’operazione che ti mette molta ansia, che crea attacchi di panico improvvisi e non prevedibili. Invece no. Questa volta è stato un gioco da ragazzi. Negli ultimi giorni avevo scritto una bella lista per non mancare niente, poi senza consultarla ho iniziato a raggruppare tutto in modo assolutamente casuale e privo di senso e non so come, ogni cosa si è incastrata alla perfezione. Certo che non è andato subito tutto liscio ma la variabile peso, dimensione, volume è contemplata. Vivrò un’estate lunga un anno. Mi mancheranno la coperta di lana di mia nonna, la sciarpa che mi ha regalato la mia migliore amica una volta a Natale, la borsa dell’acqua calda. No, forse no. Avrò solo nostalgia di quello che rappresentano.
Alla fine ho buttato dentro senza pensarci. Esiste solo un buon equipaggiamento. Il mio è composto da piccoli oggetti che mi sono guadagnata in questi giorni o in una vita intera. Beni materiali e immateriali che si intrecciano. Ecco, non potevo dimenticare una foto o una cartolina speciale, il ricordo di una persona mascherato da una canzone, i regali dell’ultimo momento e il mio libro preferito (quello che da sabato sera è tornato a dimorare sul mio comodino e che non abbandonerò più).
Poi le cose indispensabili le ho messe e anche qualche inutilità per compensare. Le mie valigie sono finite e pronte per accompagnarmi in questa avventura a tempo determinato. Chissà come torneranno dopo 365 giorni di cammino, o se torneranno. Intanto auguro loro un buon viaggio, uno altrettanto buono anche a me e a tutti coloro che partono e arrivano, a chi vive nell’immobilità e a chi si sente ovunque e da nessuna parte, a quelli che ci sono sempre e a quelli che anche quando non ci sono, sono vicini più che mai, in modi diversi.



2 commenti:

  1. Le Crocs! Non potevano mancare le Crocs! Buon viaggio.. e buona Africa :)

    RispondiElimina